venerdì 29 gennaio 2016

Amici del blog: oggi la storia di Caffè e Golia

Lucia Nadal ci racconta la simpatica storia dei suoi 2 gatti: Caffè e Golia ! 

Il primo a nascere in una cascina della campagna novarese è stato Caffè. 
E' stato battezzato da Elena, la mia nipotina, perchè? Non si sa. Già da piccolo era un monello particolare: per dormire s'infila negli armadi e se li trova chiusi graffia fino al momento in cui.....gli si apre. S'intrufola abilmente tra i vestiti ricoprendoli di fitti peli bianchi. Il suo mantello a strisce nere è morbidissimo e ha un neo sul nasino. Occhi grandi e gialli. Molto timoroso. Quando suona il campanello si nasconde principalmente sotto i letti e, questo è un guaio, se per caso la porta d'entrata viene lasciata socchiusa, come un fulmine lui fugge sulle scale.....(qui inizia la comicità) io a chiamare "Caffè, Caffè"! 
Una di quelle volte, mia cognata è uscita per invitarsi a prendere il vero caffè!!!! Poi lui sale o scende, ma non si azzarda ad uscire sull'androne. Ama farsi prendere in braccio, ma solo da Elena ed è un gran mangione....solo pappa per gatti! e....per la sua intimità la sabbia bianca e sempre pulita!

E' il turno di Golia: rosso come tutti gli altri due gatti solo miei. Me lo ha procurato la mia veterinaria. So che è nato il giorno di Natale: ora ha 5 anni (Caffè ne ha 6)
Golia...perchè io amo Davide dell'Antico Testamento che nella Bibbia viene descritto come un bel ragazzo fulvo di capelli. Come capirai era impossibile chiamarlo Davide, quindi Golia.
E' ardimentoso e mi segue come un "cagnolino". Salta sui davanzali delle finestre, di quelli dei balconi e ama pazzamente i fiori, specialmente le rose! Il suo mantello non è molto morbido, ma non importa, è il mio gatto. Mi sveglia al mattino, oggi erano le sei, a volte anche prima, dipende tutto dal suo appettito. Non ha paura delle persone che vengono a trovarmi, anzi se lo lasciano, va in braccio per farsi nuovi amici. 
Dorme con me. Adesso è qui sulla scrivania. Non ha paura dei cani, ma lo infastidiscono; idem per i bambini. Il troppo chiasso lo fa rintanare, pensa, sopra l'armadio. La prima volta che è capitato l'ho cercato fin nel cortile e poi quando tutti se ne sono andati, dall'alto dell'armadio, è sbucata la sua testina e miagolava per chiamarmi: poi con un salto felino è atterrato sul letto. 
Quando ritorno a casa, lui mi aspetta sulla porta e appena entro fa una capriola. Non ha paura dell'aspirapolvere, anzi si diverte un mondo a farsi aspirare! Se Caffè va a casa di mia figlia per un po' di tempo, lo chiama con voce maschia e al suo ritorno quante feste! Indubbiamente si vogliono bene!

mercoledì 27 gennaio 2016

Concorso fotografico: scatti con i baffi


L'associazione di volontari Zampette Solidali di Gaia Animali & Ambiente Liguria bandisce la seconda edizione del concorso fotografico "Scatti con i baffi", concorso aperto a tutti coloro che vorranno inviare una o più foto dei loro amici animali. 
Tutto il ricavato del concorso sarà devoluto per aiutare gli animali in difficoltà. 
Il concorso prevede tre categorie: cani, gatti e altri amici e per ognuna di esse sono presenti due sotto-categorie: foto artistica e foto simpatica. Per ognuna di esse, saranno premiate le tre migliori fotografie, per un totale di ben 18 premi messi in palio dall'associazione stessa e dai nostri sponsor. 
TERMINE ULTIMO per l'invio o la consegna delle foto PROROGATO AL 31 GENNAIO 2016 
Vi invitiamo, oltre che a partecipare numerosi, a leggere il regolamento nell'apposita sezione di questo sito. E ora..... mano alla macchina fotografica e buoni scatti!!!

Tutte le info ed il regolamento per partecipare li trovi  qui: http://www.scatticonibaffi.it/

lunedì 25 gennaio 2016

Il vademecum di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, dieci consigli utili per sapere fin da subito come comportarsi con i propri animali durante l’inverno.

E’ ormai arrivata la stagione invernale e anche se gli animali sopportano il freddo meglio degli essere umani è comunque importante avere qualche piccolo accorgimento per salvaguardare la loro salute. Proprio per questo nasce il vademecum di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, dieci consigli utili per sapere fin da subito come comportarsi con i propri animali durante l’inverno. 
Sono diversi gli accorgimenti da seguire per garantire al nostro pet il benessere di cui necessita, come ad esempio una alimentazione adeguata o un riparo idoneo. Non tutti i quattro zampe sono temprati per i rigori del clima invernale: i cani di taglia grande mantengono il calore per molto più tempo grazie alla maggiore massa corporea che li isola. 
Le taglie più piccole, le razze a pelo corto e quelli che non hanno particolare massa corporea per aiutarli a mantenere il calore, necessitano quindi di un trattamento speciale. Bisogna prestare particolare attenzione ai cani o gatti che vivono all’aperto, poiché devono avere un luogo asciutto e senza correnti dove dormire e rifugiarsi. Inoltre, nella stagione invernale, con le temperature rigide, i soggetti anziani e/o malati, i cani di taglia piccola, vanno maggiormente protetti dalle intemperie e non devono essere lasciati all’aperto, soprattutto di notte. Tanti, difatti, i cani che in Italia muoiono durante la stagione invernale per il peggioramento di malattie croniche o la poca protezione ricevuta dal gelo. Ma è importante ricordarsi anche dei randagi. Basta veramente poco per aiutare un animale in difficoltà. Specialmente in alcune parti d’Italia, i cani e i gatti presenti sul territorio sono veramente tanti, non dimentichiamoci mai di mettere una ciotola di cibo e di acqua a loro disposizione fuori dalle nostre abitazioni.
Per gli ospiti di canili e gattili, Lega Nazionale per la Difesa del Cane lancia un appello rivolgendosi a tutti i cittadini affinché coperte, piumoni, asciugamani, lenzuola e indumenti usati destinati al macero vengano donati per poter essere riutilizzati per scaldare le cucce nei Rifugi. 
Tanti piccoli accorgimenti non solo potrebbero migliorare la qualità della vita del tuo animale, ma in alcuni casi anche preservarla. 

domenica 24 gennaio 2016

Evento: 6 Febbraio: Mercatino da cani, fai un gesto d’amore per San Valentino!


Sabato 6 Febbraio a Seregno, dalle 14.00 alle 18.00, presso Dog Is Good Asilo per cani in collaborazione con Canile Fusi, Regali da cani organizza il Mercatino da cani. 
Un’occasione per festeggiare l’amore che i nostri pelosi ci regalano ogni giorno, pensando anche a quelli che non hanno ancora una famiglia.

lunedì 18 gennaio 2016

Amici del blog: oggi vi presento Amy e Nilo

 Oggi vi farò conoscere i due gatti di Paola Gentile: ecco la storia di Amy e Nilo.

"Amy è entrata nella nostra casa un mese prima che il nostro amatissimo persiano Mosè, ormai 15enne, si ammalasse e poi ci lasciasse per sempre. 
Ho adottato Amy per accontentare mia figlia che a sua volta ne aveva prese con sé altre due ed erano tutte sorelle!! Devo ammettere che la morte di Mosè mi ha lasciato un grande vuoto e tanto dolore ma la presenza della piccolina mi ha un pò aiutata a superarlo. 
Amy si è subito dimostrata dolce e coccolona ma vedevo che, quando dovevo uscire, ne soffriva a tal punto da sdraiarsi dietro la porta di casa e rimanere lì finchè non rientravo. Ho aspettato che compisse un anno per vedere se le cose cambiavano ma, poichè mi dispiaceva che rimanesse sola e si rattristasse, ho cercato su facebook. 
Sulla pagina " I gatti di Roma Est ", ho trovato l'appello delle volontarie per l'adozione di un gattino di 4 mesi che nessuno aveva ancora richiesto, forse perchè era stato trovato con una zampina fratturata . E' stato amore a prima vista e, dopo le pratiche per l'adozione, ad Agosto è entrato a far parte della nostra famiglia! Lo avevano chiamato Quentin ma, visto che ha gli occhi "truccati" di nero come quelli dei Faraoni, ho deciso che "Nilo" gli calzasse a pennello ! Ora ha 8 mesi, la zampina è completamente guarita, giocano insieme rincorrendosi per tutta la casa e si alternano per ricevere le mie carezze."


mercoledì 13 gennaio 2016

17 gennaio: Sant'Antonio Abate e la benedizione animali



La benedizione degli animali domestici e da cortile nel giorno della festa di sant'Antonio abate è un tradizione molto radicata nella cultura popolare italiana. 
Per molte persone è un modo per dimostrare pubblicamente non solo il proprio credo religioso, ma anche l'affetto che portano verso i propri amici pelosi. 
Non so se avete mai partecipato (anche da semplici spettatori) a una di queste benedizioni che, soprattutto nei mille paesini che compongono l'Italia, si svolgono nella giornata odierna. 
Ci sono vere e proprie processioni di cani, gatti, conigli, criceti, tartarughine: un vero inno agli amici che quotidianamente vivono con noi.

Anche io andrò con Kim ad una Chiesa dove c'è questa usanza.

martedì 12 gennaio 2016

Petizione : firma per il cucciolo ucciso e gettato nell'immondizia

Amici, io non ho parole per questi orrori e per quanto certa gente sia così cattiva, ma inutile fare finta di nulla, le petizioni servono anche per non girarsi dall'altra parte e mostrare la ns. indignazione!!!! 

Viveva al Parco della pace, nella zona Nord di Roma, aveva solo due o tre mesi. Era un cagnolino giocherellone che attirava le attenzioni di molti frequentatori del parco che non vedevano l'ora di prenderlo in adozione dal senzatetto che se ne occupava. 
Non potranno più portarlo a casa con loro, purtroppo: il 4 gennaio il cucciolo è stato ritrovato in un cassonetto dell'immondizia, morto. La veterinaria che l'ha trovato e se ne è occupata ha dichiarato che si è trattata di una morte violenta, probabilmente dovuta a forti percosse, viste le diverse fratture.
È stata sporta una denuncia contro ignoti per cercare di portare alla luce la verità dietro la terribile morte del povero cucciolo, che ancora una volta rivela la crudeltà di certi "uomini", incuranti e irrispettosi della vita degli esseri viventi. Il cucciolo non ha nemmeno fatto in tempo a trovare il conforto di una casa e di una persona che lo amasse e si occupasse di lui.
Dobbiamo considerarci tutti padroni di questa bestiolina e chiedere che venga fatta giustizia per la sua morte!

Firma e diffondi anche tu la petizione :

domenica 10 gennaio 2016

Amici del blog: oggi la storia di Sally e Molly

 Con oggi riprendo a postare facendovi conoscere le storie di pets (ma non solo pets) che vivono con voi amici blogger....iniziamo con Ros che ci presenta i suoi Sally e Molly....questa la loro storia:


Sally è arrivata a 4 mesi dalla morte di Camilla che ci ha lasciati dopo quasi 15 anni di immensa, felice convivenza. Ci ha lasciati in un momento molto particolare per noi: un anno dopo il tragico incidente di nostro figlio. Quasi volere farsi da parte per lasciare tutte le nostre energie a disposizione di Andrea. 
Sul momento niente e nessuno avrebbe potuto riempire l'immenso vuoto che ci ha lasciato: eravamo distrutti, niente andava per il verso giusto. Una settimana più tardi nostra figlia ci annuncia la sua maternità. Un raggio di sole finalmente si infiltrava nelle nostre vite. Poi il rientro di Andrea a casa, la ricerca di una nuova casa, la nascita di una nidiata di cuccioli di Amstaff nella nostra città: tutto era già scritto?! Trovata la casa con giardino, l'arrivo di un cane è venuto da solo.
Così Sally è arrivata a far parte della famiglia. Rimasti in ottimi rapporti con la famiglia dove è nata Sally, alla successiva gravidanza (inaspettata)di Dea, la sua mamma, non abbiamo resistito e siamo andati a trovarli: meravigliosi. In poco tempo erano tutti sistemati. Poi una rinuncia, una prenotazione da un altro acquirente, successivamente una nuova ritirata ( per la cronaca il tipo ha preferito spendere i soldi per comprare la Play Station al figlio!!!!!- meglio così!) e la cuccioletta era ancora con i suoi genitori. 
Visto che Sally andava d'accordo con la frugoletta, dopo un summit in famiglia, si è fermata a casa nostra. Indovina che nome avevano messo sul pedigree? Camilla. Non è forse destino? Ma Camilla per noi è una sola, così il suo nome è diventato Molly. 

 

Tutti quelli presentati finora li trovate nell'etichetta gli amici del blog .

venerdì 8 gennaio 2016

Petizioni da firmare e diffondere !!

Putroppo le notizie sui maltrattamenti degli animali ci sono sempre, io non capisco la gente come possa essere così cattiva da presendersela con loro pensando di divertirsi....io farei a loro ciò che hanno fatto a questi esseri indifesi!!!
Ecco due petizioni da firmare....mi raccomando firmate e diffondete, grazie!

La prima triste vicenda riguarda un gabbiano fatto esplodere in volo dopo avergli legato un petardo...
La seconda un border collie costretto a trascinare il suo padrone su uno skate ....
Non ho parole....firmate per favore!!!